Archivi categoria: Prima squadra

LA FEBA CIVITANOVA MARCHE CEDE AL CUS CAGLIARI

La Feba Civitanova Marche, dopo una prestazione gagliarda, cede nel finale per 48-52 al CUS Cagliari nel recupero della 20° giornata di campionato. In un match importante per entrambe le formazioni ai fini della classifica, le momò, reduci da uno stop di quasi due settimane a causa del covid, inciampano nell’ultimo quarto dopo aver gestito per larghi tratti la gara in una sorta di dèjà-vu dell’ultima partita giocata contro la Pallacanestro Vigarano. Non sono bastati i 16 punti di Anna Rylichova, la “doppia-doppia” di Giorgia Bocola e gli 11 punti di Anna Paoletti per riuscire a conquistare due punti pesanti che sembravano alla portata.

La gara ha visto nei primi due quarti le biancoblu partire forte, imprimendo così alla sfida un buon ritmo, grazie anche a delle soluzioni offensive ficcanti. Il CUS Cagliari ha fatto maggiormente fatica a trovare la via del canestro, dovendo inseguire così per 20 minuti. L’unico tentativo di rimonta ospite, 26-23 a 3’45’’ dal termine del secondo quarto, è stato ricacciato da Rylichova con la Feba che è andata all’intervallo lungo sul 33-25. Nel terzo quarto le squadre hanno commesso più errori, anche se entrambe le compagini hanno aumentato l’intensità difensiva. Le momò sono riuscite a rimanere avanti, 39-33, poi nell’ultimo quarto è salita in cattedra Striulli, fin lì poco in evidenza, che si è presa la squadra sulle spalle. Le sarde hanno impattato sul 40-40, poi nel concitato finale hanno trovato l’allungo vincente con le biancoblu che negli ultimi due minuti non sono riuscite a trovare la giusta lucidità.

FEBA CIVITANOVA MARCHE-CUS CAGLIARI 48-52

CIVITANOVA MARCHE: Paoletti 11, Bocola 13, Trobbiani 2, Giacchetti 4, Rylichova 16, Armillotta ne, Angeloni 2, Binci, Severini, Grande ne, Malintoppi, Pronkina ne. Allenatore Carmenati

CUS Cagliari: Puggioni, Striulli 8, Caldaro 6, Prosperi 11, Ljubenovic 6, Saias 2, Cecili 7, Madeddu 2, Gagliano 10, Piludu ne. Allenatore Xaxa

Parziali: 20-11; 33-25; 39-33

Arbitri: Antimiani e Giardini

LA FEBA CIVITANOVA MARCHE RITORNA SUL PARQUET NEL RECUPERO CONTRO IL CUS CAGLIARI

La Feba Civitanova Marche torna sul parquet. Dopo il covid19 che ha fermato le momò negli ultimi due turni di campionato, le biancoblu riprendono il loro cammino in campionato mercoledì 13 Aprile alle ore 15.30 al Palazzeto di Civitanova Alta, nel recupero della 20° giornata di campionato contro il CUS Cagliari. Le ragazze di coach Donatella Melappioni e Gabriele Carmenati sono tornate a ranghi completi ed affrontano questa sfida dopo questo periodo di stop forzato. Sarà importante trovare la giusta condizione atletica contro un avversario che si trova attualmente in 10° posizione e che può vantare una solidità difensiva importante. Sotto le plance agisce il “totem” Ana Ljubenovic, mentre in cabina di regia c’è l’esperta Erika Striulli che, fermata dagli infortuni ad inizio stagione, ha ripreso continuità. La bocca di fuoco è Giulia Prosperi, giocatrice da tenere sott’occhio. Un avversario ostico per le momò che però vogliono cercare con tutte le forze di agguantare i play-out in questo ultimo scorcio di regular season.

LA FEBA CIVITANOVA MARCHE VEDE SFUMARE IL SUCCESSO ALL’ULTIMO

La Feba Civitanova Marche viene battuta a domicilio di misura per 72-76 dalla Pallacanestro Vigarano al termine di un match tirato e combattuto. Dopo aver condotto la gara per 38 minuti, le momò si sono viste superare nel finale dalla compagine di coach Borghi, più lucida e cinica nei momenti topici della sfida.

Un vero peccato per le biancoblu che ancora una volta hanno sfoderato una prestazione maiuscola, contro un’ottima squadra, non riuscendo però a cogliere i due punti necessari per smuovere la classifica. Coach Gabriele Carmenati ha dovuto fare a meno di Alice Malintoppi, ha perso per infortunio Sofia Angeloni durante il match ed ha avuto Jessica Trobbiani condizionata dai falli, ciò nonostante la squadra ha disputato una partita quasi perfetta grazie ad una prestazione corale importante, con Anna Rylichova ed Emma Giacchetti sugli scudi in termini realizzativi. Soprattutto nel primo e nel terzo quarto le momò hanno cercato di dare una scossa con alcuni break importanti (13-4 e 43-33) ma Vigarano è riuscita a rimanere sempre in scia, grazie alla verve offensiva dell’ex Giulia Sorrentino e di Silvia Sarni. Nel finale palpitante i liberi di Coser e Bujniak, con qualche chiamata arbitrale rivedibile, hanno condannato allo stop la Feba Civitanova sul 72-76.

“Avevamo chiesto alle ragazze di giocarci sei finali – commenta coach Gabriele Carmenati – ed oggi abbiamo giocato una grande finale. Purtroppo nel finale non siamo arrivate al tiro in maniera lucida come avevamo fatto per tutta la gara, però un plauso alle ragazze che hanno fatto una partita strepitosa, come a Matelica pur sbagliando molto al tiro. Complimenti a Vigarano ma oggi le ragazze hanno messo il carattere Feba che ci deve contraddistinguere ogni volta che giochiamo. Finchè la matematica non ci condanna faremo di tutto per cercare di arrivare ai play-out”.

Feba Civitanova Marche – Pall. Vigarano 72 – 76 (19-14, 35-33, 54-47, 72-76)

FEBA CIVITANOVA MARCHE: Paoletti* 12 (2/9, 2/8), Angeloni 3 (0/1, 1/1), Bocola* 10 (3/7, 0/1), Trobbiani* 6 (3/5 da 2), Binci 4 (2/2 da 2), Severini 1 (0/0, 0/0), Giacchetti* 16 (5/8, 1/3), Rylichova* 20 (4/10, 3/4), Grande NE, Pronkina Allenatore: Carmenati G.

PALL. VIGARANO: Sorrentino* 20 (5/9, 3/5), De Rosa, Perini 9 (1/7, 1/2), Olodo NE, Bagnoli NE, Farina, Coser* 10 (2/9, 0/5), Bujniak 11 (3/7, 1/4), Pepe NE, Sarni* 14 (6/7, 0/5), De Liso NE, Capra 12 (4/5, 1/2) Allenatore: Borghi M.

Arbitri: Fabbri G., Quadrelli D.

LA FEBA CIVITANOVA MARCHE OSPITA LA PALLACANESTRO VIGARANO

La Feba Civitanova Marche torna davanti al pubblico amico. Domenica 27 marzo, alle ore 18.00, le momò ricevono la visita della Pallacanestro Vigarano al Palazzetto di Civitanova Alta: un avversario ostico per le biancoblu che cercano punti importanti per la corsa salvezza. Dopo la positiva prestazione nel derby contro l’Halley Thunder Matelica, che non è bastata a cogliere punti, le ragazze di coach Donatella Melappioni vogliono cercare di invertire il trend negativo. L’avversario di turno è comunque in salute, reduce da tre successi consecutivi, e può contare sull’apporto, tra le altre, di due vecchie conoscenze biancoblu, Veronica Perini e Giulia Sorrentino.

“Incontreremo una squadra che ha avuto fin qui un andamento altalenante – commenta Anna Paoletti – adesso sono in salute e possono contare su due giocatrici che conosciamo bene, come Veronica Perini e Giulia Sorrentino, oltre all’apporto di Silvia Sarni sotto le plance. In settimana è anche arrivata Sylwia Bujniak quindi il potenziale offensivo è importante. Sarà una partita tosta ma stiamo lavorando per migliorare alcuni aspetti anche perché i due punti sono fondamentali in questo momento per la nostra classifica”.

LA FEBA CIVITANOVA MARCHE SI ARRENDE ALL’ULTIMO NEL DERBY IN CASA DEL MATELICA

La Feba Civitanova Marche lotta fino all’ultimo ma si arrende nel finale all’Halley Thunder Matelica. Nel derby delle Marche sono le matelicesi a spuntarla davanti al pubblico amico per 54-51. Un match che ha visto le momò battagliare ad armi pari contro le rivali per tutto il match, non mollando mai anche nei momenti di difficoltà. Non è bastata una prova importante in attacco di Rylichova, top scorer del match con 22 punti, e generosa sotto le plance di Trobbiani per riuscire ad ottenere il successo. Tutte le ragazze hanno dato il massimo anche se le padrone di casa hanno fatto valere la loro esperienza in alcuni momenti topici della partita.

Avvio subito equilibrato tra due squadre che si ribattono colpo su colpo. Le momò mettono il naso avanti sul 7-11 ma le locali trovano alcune soluzioni impattando sull’11-11. Le ragazze di coach Donatella Melappioni hanno un nuovo guizzo ma le matelicesi impattano nuovamente nel finale 15-15. Stesso canovaccio nel secondo quarto: la formazione di coach Cutugno tenta l’allungo sul 21-15 ma le giovanissime Giacchetti e Malintoppi impattano sul 21-21. L’equilibrio permane fino alla fine quando le locali chiudono avanti sul 28-24. Dai blocchi di partenza esce meglio la squadra di casa che piazza un break mortifero di 11-2. La Feba cerca con Rylichova e Bocola di ridurre lo strappo e chiude il terzo periodo sul 46-36. Nell’ultimo quarto le momò rimangono in scia della compagine di coach Cutugno tentando di accorciare il margine, 50-46. Pallotta fa 1/2 dalla lunetta, Pronkina mette il canestro da due ma la tripla di Aispurua nel finale chiude i giochi con Rylichova che lima il punteggio sul 54-51.

“Aver avuto le nostre due lunghe Bocola e Trobbiani penalizzate dai falli non ci ha sicuramente aiutato – commenta coach Donatella Melappioni – e quindi esser riuscite a fare quello che abbiamo fatto è stato qualcosa di importante. Siamo state bravissime a contenere le loro lunghe anche se questo ci è costato molto dal punto di vista fisico, mentale e dei falli. Abbiamo avuto una serata un po’ sotto tono di Bocola e Paoletti in attacco, le nostre migliori realizzatrici, e quindi non siamo riuscite ad avere un bottino migliore dal punto di vista realizzativo. Siamo comunque state brave a rimettere in piedi la partita dal -12 non riuscendo per poco a portarla al supplementare”.

HALLEY THUNDER MATELICA – FEBA CIVITANOVA MARCHE 54-51

MATELICA: Gramaccioni 15, Gonzalez 17, Aispurua 5, Pallotta 9, Franciolini, Ridolfi ne, Stronati, Albanelli 4, Ardito 1, Zamparini ne, Michelini 3, Offor ne All. Cutugno

CIVITANOVA: Paoletti 10, Bocola 4, Trobbiani 4, Rylichova 22, Malintoppi 3, Armillotta ne, Angeloni 2, Morbidoni ne, Binci, Severini, Giacchetti 4, Pronkina 2 All. Carmenati

Arbitri: Bernardo – Servillo

Parziali: 15-15; 13-9; 18-12; 8-15

LA FEBA CIVITANOVA MARCHE E’ IMPEGNATA NEL DERBY IN CASA DELL’HALLEY THUNDER MATELICA

Ritorna in campo la Feba Civitanova Marche dopo lo stop “forzato” nell’ultimo turno a causa delle positività nel gruppo squadra del CUS Cagliari. Le momò scenderanno sul campo ospite sabato alle ore 18.30 nell’importante derby contro l’Halley Thunder Matelica. Dopo il “tour de force” precedente, le biancoblu hanno potuto recuperare le energie e preparare in settimana questa gara importante contro una squadra interessante. I derby sono sfide dal sapore particolare e le momò vogliono provare a vendicare la sconfitta interna dell’andata. Grande determinazione e attenzione ai dettagli contro le matelicesi, che possono contare su alcune giocatrici di spessore, una su tutte Debora Gonzalez.

“Ci aspettiamo una partita difficile e molto sentita da entrambi le parti – commenta il play biancoblu Sofia Binci – Noi questa settimana stiamo lavorando molto per preparare al meglio l’incontro, forti dalla domenica di pausa che abbiamo avuto per cause maggiori. Dobbiamo preparaci al meglio fisicamente e mentalmente”.

Palla a due sabato 19 marzo alle ore 18.30 al Palasport di Cerreto d’Esi. Dirigono l’incontro Bernardo Lucia di Aprilia (LT) e Servillo Federica di Termoli (CB).

LA FEBA CIVITANOVA MARCHE RICEVE LA VISITA DEL CUS CAGLIARI

La Feba Civitanova Marche chiude il “tour de force”, con un trittico di partite in sette giorni, ospitando il CUS Cagliari. Le momò, ancora alla ricerca dei due punti, vogliono cercare di smuovere la propria classifica in questa lotta salvezza.

L’avversario di turno è il CUS Cagliari, sesto in classifica generale a quota 18 punti, reduce da un percorso in trasferta non troppo esaltante, l’ultimo successo fuori casa risale a due mesi fa. Squadra non particolarmente prolifica in attacco, può contare su una difesa solida e sulle giocate di alcune giocatrici d’esperienza, come in cabina di regia Erika Striulli ed il pivot Ana Ljubenovic, e le “bocche di fuoco” Giulia Prosperi ed Arianna Puggioni.

Per la Feba Civitanova sarà importante smaltire le scorie dal punto di vista fisico di questi impegni ravvicinati, per cercare, con il cuore e la grinta, di riuscire ad ottenere due punti importanti per la classifica.

Palla a due domenica 13 marzo alle ore 15.30 al Palazzetto di Civitanova Alta. Dirigono l’incontro Carella Giorgia di Brindisi (BR) e Anselmi Francesco di Ruvo Di Puglia (BA).